Le ennesime morti in mare degli ultimi tempi, le donne e gli uomini annegati nel tentativo di raggiungere le coste italiane alla ricerca di una vita migliore e più degna, la discussione scaturita dalle dichiarazioni di Fini sul voto agli immigrati e dalle intenzioni di Pisanu di promuovere una sorta di consulta musulmana per definire nuovi criteri di accoglienza, impongono una riflessione più ampia sugli effetti che le ultime leggi sull’immigrazione hanno prodotto a livello sociale e umano ed una nuova e più chiara valutazione sui CPT, vere e proprie carceri per donne ed uomini che nessun tribunale ha condannato. Le condizioni dei migranti, nel nostro Sud, assumono connotati ancor più gravi: i CPT stanno scoppiando. Non riuscendo a gestire il sempre maggior numero di presenze, le condizioni di vita cui sono costretti gli “ospiti” rasentano la miseria più assoluta, ne abbiamo avuto ulteriore testimonianza durante la visita fatta al CPT di Lamezia. Una struttura nata alla luce delle opportunità offerte dalla legge Basaglia, la famosa legge 180 che apriva i manicomi, ma trasformatasi in un luogo promiscuo, una sorta di limbo degli esclusi, in cui malati mentali, tossicodipendenti e migranti condividono spazi tra loro contigui, intersecando storie e disagi in un luogo che sempre più assume i connotati di un vero e proprio lager. L’esperienza di Badolato, in termini di ospitalità, in coincidenza dell’arrivo dell’Ararat con 835 kurdi, lasciava immaginare un’attenzione ed una disponibilità diverse nei confronti della dignità di tutti quegli esseri umani scappati dalla guerra, dalla repressione, dalla fame e dalla disperazione. La Turco-Napolitano e la Bossi-Fini, il fallimento del PNA (un programma nazionale che poneva le condizioni per una diversa accoglienza dei migranti), le restrizioni apportate ai criteri per il riconoscimento dello status di rifugiato politico, il razzismo dilagante in molte realtà italiane favorito anche dai media, hanno messo a nudo il vero dramma dell’emigrazione, che solo una politica asfittica può ridurre ad un problema, tra l’altro ingestibile, di ordine pubblico. Altro significato ha per noi il termine accoglienza, chiara dimostrazione ne è l’esperienza della Casa del Migrante di Castiglione Cosentino che coinvolgendo in prima persona gli stessi migranti nella gestione della struttura riesce ad avere un rapporto aperto con la popolazione, senza sbarre e cancelli. Un mondo globalizzato non può garantire esclusivamente la libera circolazione delle merci ed impedire la libertà di movimento degli esseri umani. bensì, dovrebbe assumere, nelle sue istanze politiche, la capacità di governare secondo “logiche nuove” i problemi politici dell’oggi: la guerra, l’emigrazione, l’uso delle risorse, la gestione dei servizi e i diritti. I CPT rappresentano la concretizzazione di questo modo inadeguato di affrontare i problemi, in quanto simboli di una logica di negazione di ogni diritto elementare e come tali vanno aboliti nella loro attuale forma e riconvertiti in centri di vera accoglienza, con al centro la dignità dell’uomo e che siano capaci di affrontare le problematiche che stanno dietro il dramma di ogni singolo soggetto. Per tutto ciò, diverse realtà del Movimento in Calabria stanno organizzando un presidio di solidarietà con i reclusi del CPT di Lamezia Terme e per richiederne l’immediata chiusura, come “lager per immigrati”, ed una sua immediata riconversione. L’appuntamento per tutti è per sabato 15 novembre 2003 alle ore 14 nel piazzale antistante la sede della cooperativa “Malgrado Tutto”, gestore del centro lametino. A questo presidio hanno già aderito gli imputati del processo contro la rete del Sud Ribelle, ad un anno dal loro arresto avvenuto il 15 novembre 2002, che affermeranno, con la loro presenza, la volontà di proseguire nella ricerca di un mondo migliore, un mondo senza frontiere, di reali diritti e di eguali.

CSOA “Angelina Cartella” / Associazione Culturale Multietnica “La Kasbah” / Libera Associazione di Idee / Comunità Kurda Calabrese / Radio “Ciroma” / Piana Social Forum / Tirreno Social Forum

Annunci