E’ stata un vero successo la terza edizione del Music Against Ndrangheta. C’è stata tantissima gente dall’inizio alla fine, sia al concerto che alla mostra dentro il chiostro di S.Domenico. E’ stato un successo soprattutto perchè sono stati lanciati messaggi importanti, perchè chi si è esibito sul palco le ha cantate alla mafia, perchè i giovani che erano sotto il palco applaudivano a quelle parole.
Non si è fatta la rivoluzione, si è messo solo un altro piccolo mattone per costruire quel grande edificio che forse un giorno sconfiggerà tutto questo essere sottomessi al potere di poca gente. Hanno detto bene dal palco le ninna nane :” Se senti odore di bruciato, e dici che questa è lamezia…sei tu la mafia”. Così come hanno detto e fatto bene tutti gli artisti che si sono esibiti ieri, con la musica, la pittura, la fotografia o la letteratura. Insomma c’è da essere fieri di questa edizione, di chi c’era, di chi ha organizzato. Ma è anche vero che niente è tutto rosa e fiori, allora come potevano mancare i vari bulletti che in nome di una lametinità stupida e che concepisce come unico nemico il catanzarese, hanno cercato liti tutta la sera con i ragazzi di catanzaro che erano venuti a suonare per la nostra causa e per la nostra città. Senza paura diciamo che ieri sera chi difendeva Lamezia erano quei ragazzi di Catanzaro, e non certo quei quattro deficenti che hanno cercato, senza riuscirci di rovinare la serata. Non sono le logiche da stadio che ci permetteranno di cambiare le cose, questo lo devono capire tutti!! E sempre per restare nella parte negativa della serata, ci sentiamo di fare un enorme e ironico ringraziamento al comando dei vigili urbani di lamezia terme, che dovevano per decreto essere presenti in piazza fino a mezzanotte, e che invece si sono fatti vedere solo verso le 7:30 per chiederci di abbassare l’audio perchè disturbavamo il convegno del Rotary. Vergogna!! Vergogna!!
Ma non saranno certo questi problemi a fermarci, la nostra quotidiana lotta contro questo sistema malato continuerà, e siamo sicuri che dopo ieri saremo un pò meno soli e un pò più forti.
Perchè noi siamo i giovani, e solo a noi spetta cambiare questo mondo!!
All’anno prossimo!

Annunci