Oggi venerdì 15 ottobre 2010 nell’auditorium dell’istituto Magistrale Campanella si è svolto un convegno dal titolo: “Prospettive della riforma dell’istruzione secondaria”organizzato dall’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica.
Riteniamo questo convegno un’offesa agli studenti, ai precari e a tutto il mondo della scuola per diversi motivi.
Primo fra tutti per gli “illustri” ospiti presenti, tutti legati, con ruoli di un certo calibro, al Ministero dell’Istruzione e tra i quali ci preme ricordare Valentina Aprea, ex sottosegretaria all’Istruzione ed ex presidente della Commissione Cultura della Camera; tutti responsabili non secondari di questo scempio perpetrato ai danni della scuola pubblica.
Poi, per la presenza del logo della CISL sulla locandina dell’evento. Proprio sulla CISL esprimiamo il rammarico più grande. Un sindacato vicino ai lavoratori, infatti, dovrebbe interessarsi di più alle loro esigenze, invece in tutta Italia sembra fare la gara a sedersi sulla poltrona più vicina a quella del padrone; lo abbiamo visto a Torino durante la festa del PD, lo abbiamo visto nella vicenda degli operai della Fiat di Pomigliano, lo abbiamo visto oggi in questo convegno.
Proprio in occasione della seconda giornata di mobilitazione del mondo della scuola, come studenti, come precari, come docenti resistenti alla riforma, come liberi cittadini abbiamo ritenuto importante essere davanti ai cancelli del Magistrale distribuendo un volantino che riporta integralmente il discorso di Piero Calamandrei pronunciato al III Congresso in difesa della Scuola nazionale a Roma l’11 febbraio 1950 e, ancora oggi, attuale.

Studenti e studentesse del Collettivo Altra Lamezia
Comitato Precari della Scuola di Lamezia Terme

Calamandrei_scuola

Annunci