Le parole sembrano tutte qui un attimo fa e adesso non ci sono più. Che si dice in questi casi, Ciccio? Perché a noi verrebbe solo voglia di gridare, di telefonarti per sentire la tua voce e urlarti “vaffanculo Ciccio, ci prendi per il culo sempre.” Ma questa volta te ne sei andato per davvero. Ed è difficile mettere da parte la rabbia, bisognerebbe dimenticare tutte le volte che abbiamo parlato, tutte le volte che ci siamo sostenuti a vicenda. E’ all’improvviso calmo e clemente il mondo attorno a te, e questa cosa ci fa incazzare, come sappiamo, avrebbe fatto incazzare te. Si è concluso così il tuo capitolo, con tutte le vittorie ma anche le sofferenze che ti portavi dentro e che per orgoglio non sempre volevi ammettere. Ci restano adesso tutte le idee, i progetti, i sogni che abbiamo costruito insieme in questi mesi e che speriamo un giorno di poter realizzare in tua memoria. E’ stato un gesto di grande generosità il tuo, metterti a nostra completa disposizione per riuscire ad arrivare dove nessuno si aspettava. Hai creduto in noi fino in fondo, nonostante le critiche e le ironie altrui. E’ il nostro modo per salutarti, perché tutte le cose belle che pensavamo di te fortunatamente abbiamo avuto la possibilità di dirtele in vita. Non ti dimenticheremo mai Ciccio, il tuo posto sarà sempre tra di noi.

Buon viaggio Compagno.

Annunci