La repressione non fermerà la lotta! Fino alla vittoria NOTAV
Con questo frase, scritta su uno striscione esposto su Corso Numistrano, abbiamo voluto esprimere la nostra solidarietà e complicità con tutti i compagni arrestati, denunciati e perquisiti nell’operazione contro il movimento No Tav per quanto accaduto lo scorso mese di luglio in Val di Susa dove, è bene ricordarlo, ci fu una vera e propria resistenza popolare per la difesa della Valle contro l’apertura di nuovi cantieri per l’alta velocità.
L’ondata repressiva ha colpito 40 attivisti in tutta Italia e anche a Cosenza un compagno, Giuseppe Tiano, è stato perquisito e portato in questura.
Solidali con Giuseppe, con tutti i compagni arrestati e denunciati e con l’intero movimento No Tav.
In quei boschi c’eravamo tutti!

Collettivo Autonomo Altra Lamezia

Annunci