Anche a Lamezia Terme continua la protesta del mondo della formazione.
Dopo il primo corteo studentesco autonomo del 5 ottobre, l’assemblea autoconvocata dei docenti del 26 ottobre ed il secondo corteo del 14 novembre che ha visto manifestare insieme studenti e docenti, iniziano le autogestioni negli istituti superiori.
Le scuole attualmente in agitazione sono:
Liceo Scientifico “Galileo Galilei”;
Liceo Linguistico, delle Scienze Umane, Economico-Sociale e Musicale “Tommaso Campanella”;
Istituto Tecnico Industriale “Leonardo da Vinci”;
IPSIA.
Nei prossimi giorni seguiremo l’evolversi della situazione anche attraverso report, foto e testimonianze direttamente dalle scuole.

La situazione scuola per scuola

Liceo Scientifico “Galileo Galilei” in autogestione da lunedì 26 Novembre.
28 Novembre. Continuano gli approfondimenti dalle scuole di Lamezia in mobilitazione. Abbiamo incontrato alcuni rappresentanti del comitato di autogestione del Liceo Scientifico.
Il Liceo Scientifico, come successo in passato con Resistenza Scientifico, è stata anche questa volta una delle prime scuole ad entrare in autogestione. Come mai avete adottato questa forma di protesta e per quali motivi?
Abbiamo scelto di entrare in autogestione perché abbiamo ritenuto questa forma di protesta la più adatta in quanto condivisa da tutti gli studenti. Il fine di questa mobilitazione è quello di creare una coscienza politica e critica in relazione a quanto sta accadendo alla scuola pubblica e, in generale, al Paese e possiamo affermare con orgoglio che in questi giorni non si sta riscontrando quell’apatia e quel disinteresse che ha spesso caratterizzato gli studenti medi di Lamezia.
Come vi state organizzando in questi giorni? Quali attività state svolgendo?
Dal primo giorno di autogestione abbiamo organizzato dei laboratori culturali di lettere, storia e filosofia, d’arte, di musica e di attualità. Stiamo svolgendo assemblee studentesche e incontri con docenti esterni per discutere di economia e dei problemi legati al mondo del lavoro. Ieri abbiamo svolto, con un esperto esterno, un seminario sulla dipendenza dal gioco d’azzardo.
Il 14 novembre sono scesi in strada con noi anche alcuni docenti di Lamezia. Come sono i rapporti con i vostri insegnanti e con la Preside?
Sia i docenti che la Preside hanno ascoltato ed, in parte, capito le nostre motivazioni. La maggior parte dei docenti condividono la nostra battaglia anche perché la riforma li attacca direttamente. Gli studenti hanno saputo organizzare al meglio la protesta coinvolgendo tutti e questo ha contribuito a far capire ai docenti le nostre reali motivazioni.
Le autogestioni e le occupazioni di questi giorni nelle scuole italiane si vanno ad inserire nella mobilitazione generale iniziata il 5 ottobre e che ha visto un’altra importante giornata di lotta il 14 novembre. Come pensate di continuare?
La nostra protesta continua con l’autogestione della scuola per tutta la settimana. Nei prossimi giorni sicuramente saranno organizzate altre iniziative e manifestazioni.
Il 6 dicembre gli studenti medi di tutta Italia, coordinati da StudAut, tornano in strada. Voi ci sarete?
Sicuramente ci impegneremo per non fare mancare il nostro apporto alla manifestazione. Ne discuteremo domani in assemblea qui allo Scientifico e poi con gli studenti delle altre scuole in autogestione.

Liceo Linguistico, delle Scienze Umane, Economico-Sociale e Musicale “Tommaso Campanella” in autogestione da lunedì 26 Novembre.
Autogestione solo nell’orario scolastico con proiezioni di film, laboratori di studio e assemblee.

Istituto Tecnico Industriale “Leonardo da Vinci” in autogestione da lunedì 26 Novembre.
Luca dell’Industriale ci fa sapere che l’autogestione è iniziata lunedi 26 e che gli studenti hanno stilato un programma con attività ludiche, sportive e musicali. L’autogestione si sta svolgendo senza nessun problema con i docenti.

IPSIA in autogestione da mercoledì 28 novembre.

Annunci