Ciao Rosy

Energica, allegra, forte, coraggiosa, solidale.. Potremmo continuare a lungo, potremmo trovare tanti bellissimi aggettivi che la descrivono, ma le parole non sarebbero ugualmente abbastanza, non potrebbero neppure lontanamente descrivere ciò che è Rosy.
Rosy è ossigeno puro, è il sorriso continuo, è la voglia di combattere, è la forza di continuare a farlo anche dopo le sconfitte, è il calore di un abbraccio, la bellezza di un incontro…
Rosy l’abbiamo conosciuta durante l’organizzazione di un 25 aprile di parecchi anni fa, con il suo solito sorriso raggiante, il suo entusiasmo, la sua voglia di fare cose belle. Abbiamo continuato a tenerci in contatto ed a organizzare delle cose insieme, con il tempo è diventata una di noi. Sempre pronta spronarci e darci la carica. Non possiamo nemmeno contare tutte le iniziative, le manifestazioni e i momenti passati insieme…
Rosy crede in un mondo più giusto, senza limiti e confini, ed ha dedicato tutta la sua vita affinché quel mondo si realizzi. Rosy ha sempre fatto parte del mondo delle associazioni e dei movimenti, schierata in prima fila al fianco degli ultimi, in particolare al fianco della comunità rom, alla quale la legava un amore viscerale. Non si è mai risparmiata, si è sempre donata agli altri, con un’incredibile umiltà.
Rosy non ha mai smesso di crederci nei nostri sogni e nelle nostre idee, lei non  si è mai lasciata imbruttire dalle delusioni o rallentare dalle sconfitte. Con la sua purezza d’animo ci ha sempre spinto a trovare il buono nelle situazioni e nelle persone, a proseguire anche quando la strada era piena di ostacoli, soprattutto quando lo era. Ci ricordava sempre che “Noi siamo quello che diamo”.
Rosy se n’è andata in una fredda giornata di inverno, lasciandoci un vuoto immenso ed un profondo dolore.
Rosy se n’è andata mentre ancora progettavamo tante cose, mentre il mondo che sognavamo ancora necessita di tante battaglie.
Rosy non s’è mai arresa e fino all’ultimo ci ha detto che ci sarebbe stato tempo, che avremmo fatto tutto.
Rosy ha sorriso fino alla fine.
Ed è per questo che anche se il dolore rende gli occhi gonfi e pesanti, anche se la rabbia macina lo stomaco e ti fa venire voglia di prendere a pugni il mondo, noi vogliamo salutarla con il nostro più bello dei sorrisi.
Siamo convinti che ogni volta che qualcuno combatterà per un mondo più giusto senza dimenticarsi di sorridere la incontreremo ancora.
Ovunque sventolerà una bandiera della pace, ovunque qualcuno combatterà per annientare i pregiudizi, lei ci sarà.
Che la terra ti sia lieve, nostra amata compagna.

Rosy.

Ci stringiamo intorno alla sua famiglia, a suo marito e nostro compagno Cecè e alla piccola dolce Giorgia.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: