Siamo giuristi e persone impegnate per l’affermazione dei diritti umani, e per noi è tempo di reagire con forza alla crescente negazione dei diritti fondamentali delle persone migranti e di coloro che cercano rifugio dalle guerre, dalle persecuzioni e dalla miseria.
Il diritto alla vita di migliaia di persone viene sacrificato alle esigenze di rassicurazione di un’opinione pubblica drogata da continue iniezioni di razzismo e intolleranza.
Il diritto ad un esistenza dignitosa per chi attraversa i pericolosi sentieri delle migrazioni e per chi riesce ad arrivare in Europa deve essere posto al centro della mobilitazione sociale e culturale e dell’azione politica.
Negli ultimi mesi abbiamo addirittura assistito alla criminalizzazione di coloro che salvano migliaia di vite in mare, intervenendo nel Mediterraneo per soccorrere i naufraghi da dopo la fine dell’operazione Mare nostrum, mentre gli Stati europei stipulano accordi con i regimi che violano sistematicamente i diritti umani.
Occorre, invece e da subito, istituire corridoi umanitari che possano evitare la strage continua, che ha prodotto oltre trentamila morti negli ultimi quindici anni.
In Italia oggi, con l’introduzione dei Decreti Minniti/Orlando, vengono compresse pesantemente le garanzie nel procedimento e le tutele giurisdizionali nei confronti di chi chiede asilo e protezione, sì da intaccare l’essenza stessa del diritto all’asilo, che i nostri costituenti hanno inserito tra i principi fondamentali dell’atto fondante l’Italia repubblicana.
Questo ulteriore passaggio si innesta su un corpo normativo in materia di immigrazione fatto di interventi via via negli anni più restrittivi e repressivi, e poggiati sull’irrealistico incrocio tra domanda di lavoro da parte di persone residenti in altri continenti ed offerta di impiego da parte di datori di lavoro italiani quale unico presupposto di un ingresso regolare.
Ciò ha generato situazioni ricorrenti ed estese di clandestinità ed irregolarità, e comunque di precarizzazione del soggiorno, che hanno favorito la divisione tra i lavoratori ed il peggioramento complessivo delle retribuzioni e dei diritti dell’intero mondo del lavoro.
Affermiamo con fermezza che la politica deve assumersi qui ed ora la responsabilità di una legge sulla cittadinanza per le cosiddette seconde generazioni, in quanto consideriamo inaccettabile ed inumano impedire a chi nasce e cresce nel territorio italiano di essere riconosciuto come cittadino italiano.
Per questi motivi aderiamo convintamente alla manifestazione nazionale “Diritti senza confini” che si terrà a Roma il prossimo 16 dicembre, promossa da un ampio schieramento, ed in primo luogo dalle associazioni costituite dai cittadini stranieri, condividendone la piattaforma.
Roma, 3 dicembre 2017

Enrico Calamai (Comitato Verità e Giustizia per i Nuovi Desaparecidos)
Patrizio Gonnella (Presidente di Antigone)
Riccardo De Vito (Presidente di Magistratura Democratica)
Gaetano Azzariti (Professore Ordinario di Diritto Costituzionale – Università La Sapienza Roma)
Riccardo De Vito (Presidente di Magistratura Democratica)
Arturo Salerni (Avvocato – Roma)
Lorenzo Trucco (Presidente dell’Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione)
Mario Angelelli (Presidente di Progetto Diritti)
Gianni Ferrara (Professore emerito di Diritto Costituzionale)
Luigi Ferrajoli (Professore Emerito di Filosofia del Diritto –Università degli Studi Roma Tre)
Claudio De Fiores (Professore di Diritto Costituzionale – Seconda Università di Napoli)
Enzo Di Salvatore (Professore di Diritto Costituzionale – Università degli Studi di Teramo)
Giovanni Palombarini (Magistrato)
Carlo Guglielmi (Presidente Forum Diritti Lavoro)
Franco Russo (Forum Diritti Lavoro)
Emilio Robotti (Avvocato – Genova)
Luca Santini (Roma Dakar)
Cesare Antetomaso (Portavoce Giuristi Democratici di Roma)
Giovanni Russo Spena (Ex Parlamentare e Docente di Diritto Pubblico)
Francesco Romeo (Avvocato – Roma)
Paola Altrui (Giuristi Democratici di Roma)
Fausto Gianelli (Avvocato – Modena)
Ernesto Screpanti (Professore di Economia Politica – Università degli Studi di Siena)
Maria Rosaria Damizia (Presidente Comitato Singh Mohinder)
Aldo Ritacco (Presidente Servizio Legale Immigrati)
Antonio Caputo (Avvocato – Torino)
Maria Carmela Lavorato (Avvocata – Roma)
Maria D’Addabbo (Avvocata – Roma)
Cosimo Alvaro (Avvocato – Roma)
Flora Castelli (Avvocato – Roma)
Francesca Di Napoli (Progetto Diritti – Ostia)
Elio Zappone (Progetto Diritti- Terracina)
Francescopaolo De Arcangelis (Associazione Articolo 24)
Gaetano Pasqualino (Progetto Diritti Catania)
Giuseppe Nicoletti (Progetto Diritti Licata)
Andrea Vitale (Avvocato – Roma)
Fabio Marcelli (Giuristi Democratici)
Laura Ronchetti (Ricercatrice Diritto Pubblico C.N.R.)
Lorenzo Tardella (Avvocato – Roma)
Gianluca Schiavon (Responsabile Giustizia Partito Rifondazione Comunista)
Marina Boscaino (Lip Scuola)
Santino Piccoli (Avvocato – Lamezia Terme)
Andrea Maestri (avvocato – Ravenna)
Gennaro Santoro (Avvocato – Roma)
Costanzo Roberto Di Gioia (Avvocato- Benevento)
Daniela Bianchi (Avvocato – Roma)
Alessandro Fabbi (Avvocato – Roma)
Caterina Calia (Avvocata – Roma)
Ludovica Formoso (Avvocata – Roma)
Marco Grilli (Avvocato – Roma)
Pietro Adami (Avvocato – Roma)
Caterina Calia (Avvocata – Roma)
Ludovica Formoso (Avvocata – Roma)
Marco Grilli (Avvocato – Roma)
Gennaro Santoro (Avvocato – Roma)
Costanzo Roberto Di Grazia (Avvocato – Benevento)
Alessandro Fabbi (Avvocato – Roma)
MGA (Mobilitazione Generale Avvocati)
Francesco Capozza (Avvocato – Casarano).

Per adesioni scrivere a manifestazioneroma16dicembre@gmail.com o a avv.arturosalerni@studiocarso23.it.

Annunci