Riceviamo e pubblichiamo l’appello di Potere al Popolo del Reventino e Lametino per un presidio contro la guerra previsto per martedì 17 alle ore 18:00 nell’area pedonale di Corso Giovanni Nicotera.

Chiamata al DISARMO! C’è bisogno di PACE!
Con l’attacco folle da parte di USA, Regno Unito e Francia contro la Siria, è iniziata una nuova fase della guerra che rischia di creare un escalation senza precedenti e di compromettere ulteriormente il già fragilissimo equilibrio in medio-oriente.
Mentre l’occidente non spende una parola contro il massacro dei Curdi ad Afrin da parte dell’esercito Turco e dei jiadisti, mentre i finti intellettuali italiani non trovano niente di meglio che mettersi una mano davanti la bocca contro i presunti attacchi chimici, sembra riproporsi lo stesso copione che portò nel 2003 alla guerra in IRAQ.
A pagarne il prezzo, come sempre, saranno le vittime civili: donne, bambini e uomini innocenti rei solamente di essere nati nell’ennesimo paese scelto dagli Stati Uniti e dall’Occidente come vittima sacrificale in nome del Caos che genera denaro sporco di sangue.
A tutto ciò si aggiunge l’ignavia del governo Italiano e dei presunti presidenti del consiglio in pectore, che come in passato anche stavolta non fanno altro che chinare il capo di fronte al padrone americano.
Davanti a questo scenario non è più possibile restare a guardare. Abbiamo bisogno di gridare a gran voce la necessità della pace, del disarmo, di umanità.
Insieme ai nostri fratelli e le nostre sorelle migranti, costretti a scappare dalle nostre bombe e respinti da chi le lancia, abbiamo il dovere di far sentire il nostro dissenso.
Per questo invitiamo tutte le realtà sociali, culturali e politiche di Lamezia Terme e di tutto il territorio ad un momento di riflessione e di presenza il prossimo Martedì 17 Aprile alle ore 18 presso l’isola pedonale di Corso Nicotera a Lamezia Terme. Come gesto simbolico indosseremo della magliette bianche sporche di rosso, come il sangue innocente di chi oggi è vittima della guerra.
Il silenzio, oggi più che mai, ci renderà complici dell’ennesimo massacro disumano. Scegliere da che parte stare ed agire di conseguenza non è un opzione.

Annunci