Lunedì 25 novembre 2019 alle ore 18:30, in occasione della “Giornata Internazionale Contro la Violenza Sulle Donne”, presso il Chiostro San Domenico di Lamezia Terme, ci sarà la presentazione di “Non una di meno- Lamezia Terme”, la rete delle donne antirazziste, antifasciste, solidali contro ogni violenza, la violenza domestica, il sessismo, il patriarcato e unite per la salvaguardia dei diritti delle donne.
Racconteremo la storia di Non una di meno nel mondo, parleremo delle sentenze scandalo degli ultimi anni, nei casi di femminicidio. Leggeremo l’elenco delle donne uccise in Calabria, per mano di chi diceva di amarle e leggeremo una canzone dedicata a Daniela Carrasco, conosciuta col nome d’arte “MIMO”, artista di strada cilena di 36 anni, che, alcune ore dopo essere stata fermata dai militari, è stata trovata impiccata ad un recinto ed esposta in un comune della città metropolitana di Santiago del Chile. Violentata e torturata fino alla morte. Il coordinamento di Ni una menos e dei collettivi femministi sostengono sia stato un monito per intimidire chi, soprattutto se donna, sta partecipando alle mobilitazioni di questi giorni in Cile.
Successivamente, dalle ore 19:30 andrà in scena lo spettacolo di Burlesque “THAT’S ALL” -la sensualità non è reato” di Blu Clarissa & Amy Lee Scarlett.
Seguono aperitivo e dibattito.
L’evento è curato in collaborazione con il Chiostro letterario di Lamezia Terme.
Non una di Meno – Lamezia Terme

IL DUO:
“Blu Clarissa & Amy Lee Scarlett”, ovvero Alessandra Marzo ed Emanuela Vitale, sono un duo indipendente romano nato nel 2012 dal desiderio di una ricerca condivisa sulla femminilità, i condizionamenti che subisce e il potere della sua sensualità.
Le due artiste curiose hanno collaborato, e collaborano, anche in altri progetti, principalmente di danza contemporanea. In questo spettacolo è prevalsa la voglia di sperimentare una commistione di arti, per poter meglio esprimere la loro visione fatta di eclettismo e di follia. Principalmente ricercatrici sul corpo umano e il suo movimento, danzatrici, un po’ cantanti e soubrette nell’animo; sono state inevitabilmente influenzate dai modelli femminili con cui sono cresciute: le showgirls dei programmi televisivi, le protagoniste dei
melodrammatici cartoni animati giapponesi, per non parlare poi delle dive del cinema hollywoodiano, e anche nostrane…come dimenticare Sofia Loren e il suo indimenticabile spogliarello nel film di Vittorio De Sica “Ieri, oggi e domani”? La loro esuberanza, la loro profondità, la loro vulnerabilità, e soprattutto la voglia di mettersi in gioco e sperimentare, non potevano che dar vita a qualcosa di originale…questo a nostro avviso! Nello spazio scenico creato dal loro immaginario, il burlesque diventa un gioco per sedursi e per sedurre artisticamente, ma anche una possibilità di vestire costumi e usi di altre epoche, di altre tipologie di donne, passate, presenti e future, fino ad arrivare quasi ad un’antropologia dello stereotipo!
Il duo si esibisce in varietà, cabaret, festival, teatri, spazi sociali e locali presentando l’intero spettacolo o estratti di esso, act di coppia e/o individuali, performances canore e/o danzate.
Attualmente ha all’attivo due produzioni: “That’s All!…la sensualità non è reato” (2013), “All About LOVE” (2018).

IL BURLESQUE:
Fonte d’ispirazione, scatola magica da cui tirar fuori vestaglie, giarrettiere, bustini e guanti…e forse sogni, fantasie e atmosfere…sicuramente uno strumento per vivere in maniera ironica la sensualità, stravolgere le regole estetiche e i modelli di riferimento. La ricerca è stata storica e letteraria: sul costume e sulla moda di epoche passate, sui personaggi femminili dell’epoca quali Gipsy Rose Lee, sulla storia di genere femminile e degli stereotipi ad essa collegati. Per le artiste è stato anche un viaggio all’interno di loro stesse, della loro storia, dei loro stessi pregiudizi e limiti; un modo per mettersi in gioco, per svelarsi e mettersi a nudo non
tanto e non solo letteralmente, quanto ad un livello più profondo, in cui si svela l’umano, il sensibile, la fragilità e la delicatezza dell’erotismo che non risiede nel solo corpo nudo. Il gioco è tra i personaggi e il pubblico, in ciò che si dà pian piano, come un segreto che si svela poco a poco; un gioco di allusioni e suggestioni in cui la preziosità è sostenuta dal non svelare immediatamente, in cui non è importante il punto di arrivo se non il processo, in cui l’immaginario diventa comune e condiviso, ma…attenzione…alla fine non vedrete Niente!… O tutto?

LO SPETTACOLO:
Lo spettacolo racconta la storia della più grande diva del Burlesque e della sua assistente aspirante tale. La divina Blu Clarissa al culmine della sua impareggiabile ed inarrestabile carriera è nel bel mezzo del suo tour mondiale. Annoiata dal ripetersi dei sui immutabili successi ha ormai perso il piacere e la gioia di donarsi al suo pubblico adorante: per lei ormai tutto è routine. Durante una delle sue date sarà la sua assistente personale, Amy Lee Scarlett, a stravolgerle questa assordante monotonia, trasformando l’usuale perfezione del suo spettacolo in un susseguirsi di disastri e sorprese. Blu Clarissa ed Amy Lee Scarlett, performers sorprendenti nella loro ecletticità, vi condurranno con frizzante leggerezza in un viaggio alla scoperta della donna e delle sue mille sfaccettature.
Il burlesque è solo un pretesto, uno spunto, il punto di partenza, per aprire il contenitore della sensualità e stravolgerlo, rigirarlo e friggerlo, impastandolo con cura attraverso una giocoleria raffinata i cui ingredienti sono: canto, clown, danza e burlesque. Le due artiste reinterpretano lo schema tipico del burlesque degli acts individuali,
inserendoli in un vero e proprio spettacolo teatrale, che gioca con gli stereotipi di genere, per rivelarne il loro potere di condizionamento.
Attraverso il contrasto tra i due personaggi emerge, in una dimensione leggera e frizzante, quanto ci sia di culturale e sociale nel nostro modo di vivere la sensualità.