Il Sant’Anna sia salvato e integrato nel pubblico!

Il definanziamento colpevole del Sistema Sanitario pubblico, al piano di rientro ILLEGITTIMO e alle nomine clientelari che dirottano i pochi fondi nelle mani di speculatori, si aggiunge l’incapacità del sistema di valorizzare le eccellenze lavorative che abbiamo sul territorio.
Il Sant’Anna Hospital è un’eccellenza grazie ai professionisti che ci lavorano, non grazie ai suoi proprietari o al suo management! Parliamo di una proprietà che otteneva ogni anno almeno 5 milioni di profitto netto, nonostante non fosse per lungo tempo in regola con i requisiti dell’accreditamento. Fra questi soldi ci sono anche i milioni strappati tramite la “terapia intensiva coronarica fantasma”.
La sanità privata truffa sui rimborsi manipolando i ricoveri e i DRG per i rimborsi!
La sanità privata fa pressioni per accaparrarsi gli interventi lucrosi e non far funzionare il pubblico!
La sanità privata richiede il profitto ed è una perdita netta per il pubblico!
Dobbiamo lottare tutti insieme per una SANITÀ PUBBLICA E UNIVERSALE, affinché il Sant’Anna e tutte le cliniche private siano INTEGRATE con l’intero personale in un sistema pubblico trasparente, ben finanziato dallo Stato e a controllo popolare.
I lavoratori, oggi, sono vittime delle nefandezze dei padroni che controllano i servizi pubblici fondamentali, quando meriterebbero solo un ambiente lavorativo privo di ricatti E UN CONTRATTO STABILE!

UNIAMOCI! ASSUNZIONI STABILI PER TUTTI E IN TUTTI I SETTORI!